HOME PAGE
 
 CHI E PERCHE'
 
 INTERVENTI
 
 DOCUMENTI
         - noi e l'Europa
         - dall'Italia
         - dalla stampa
         - oltre la musica
            (documenti e articoli
             d'interesse generale)
         - appuntamenti
 
 DIDATTICA
 
 RISORSE
 
 ARCHIVIO
 
 MAPPA
 
ASSOCIAZIONE PER L'ABOLIZIONE DEL SOLFEGGIO PARLATO
L'alta formazione musicale in Italia

I SOCI

sei in: CHI E PERCHE'>I SOCI

SERGIO LATTES>>                                LUIGI MARZOLA>>                                      SILVIA RUMI>>
 

 

SERGIO LATTES

Nato a Napoli, si è formato al Conservatorio di S. Pietro a Majella sotto la guida di Vincenzo Vitale, seguendo al contempo studi classici all’Università di Napoli e poi all’Università di Torino. Della giovanile passione musicologica (ha firmato anche alcune voci del Grove’s) ha conservato il gusto per i ragionamenti sulla musica, e per la sua divulgazione. Socio fondatore di “Musica d’Insieme” a Milano, vi tiene periodicamente concerti e cicli di esecuzioni commentate e documentate.

Ha insegnato Pianoforte principale nel Conservatorio di Genova, dopo aver insegnato per molti anni in quello di Milano. Molti dei suoi diplomati hanno intrapreso sotto varie specie la professione musicale, e quattro degli attuali docenti del Conservatorio di Milano si sono diplomati in pianoforte con lui. Ha tenuto con Françoise Ogéas seminari sulla Mélodie francese fra ‘800 e ‘900. Nel 2000 ha attivamente partecipato alla progettazione milanese del Triennio di Pianoforte, nel quadro della legge di riforma dei Conservatori. Per il nuovo ordinamento ha tenuto a Milano i corsi di Tecniche della lettura a prima vista e dell’accompagnamento per il Triennio, e di Prassi esecutiva-Pianoforte in orchestra per il Biennio di specializzazione, e a Genova anche quello di Letteratura pianistica. In questi insegnamenti ha riversato, fra l'altro, le competenze maturate nella lunga attività nell’Orchestra Sinfonica di Milano della Rai e in altre orchestre.

Come pianista predilige da sempre la musica d’insieme, collabora con strumentisti e cantanti e ha suonato anche in Francia, Svizzera, Gran Bretagna e Stati Uniti. Si è occupato di musica contemporanea, suonando al Festival di Nuova Consonanza a Roma, al Cantiere di Montepulciano, al Festival dei Due Mondi di Spoleto, e, a Milano, Eco e Narciso, Dialoghi con Maderna, Percorsi di Musica d’oggi, Novurgia.

E’ stato il pianista dell’Orchestra della Rai di Milano fino al suo scioglimento. In venti anni ha partecipato a centinaia di concerti, collaborando con altrettanti direttori, e riscuotendone non di rado l’apprezzamento personale. Fra i tanti, Bertini, Abbado, Von Matacič, Ahronovich, Temirkanov, Fedoseev, Delman, Argiris, Sinopoli, Oren, Pesko, Chailly. Ha affrontato praticamente tutto il repertorio del pianoforte in orchestra, fra cui Petruška, Noces, Le Rossignol, Sinfonia in 3 movimenti e Sinfonia di Salmi di Stravinsky, Musica per archi, percussione e celesta di Bartòk, le Kammermusik di Hindemith, Il Borghese Gentiluomo di Strauss, quasi tutto Šostakovič; e una grande quantità di repertorio contemporaneo, cui l’orchestra di Milano della Rai è stata particolarmente dedita sotto la direzione artistica di Mario Messinis: si ricordano le rassegne Eco e Narciso e Dialogo con Maderna, con molte prime assolute. Dopo la collaborazione in Rai Spiros Argiris lo ha invitato come solista al Festival dei due Mondi di Spoleto. Nell’ambito del rapporto con la Rai è stato anche frequentemente inviato come pianista all’orchestra sinfonica di Roma.

Gli sono stati affidati molti ruoli solistici o concertanti. Fra i tanti: A notte alta di Casella, Carnaval des Animaux di Saint-Saëns con Vincenzo Balzani, Noces di Stravinsky con Canino Ballista e Balzani, la prima assoluta di Gorgheggio di Castiglioni per pianoforte e fiati, Ch’io mi scordi di te per soprano, pianoforte obbligato e orchestra, di Mozart. Quest’ultima produzione, con Edith Wiens soprano e Vladimir Delman direttore, è stata scelta per rappresentare l’Italia alla Giornata per il Bicentenario mozartiano, prodotta dalle Reti televisive europee, e trasmessa in Eurovisione.

All’ambito dell’orchestra Rai va ricondotta l’origine del “Quartetto di Milano”, costituito con G. Maestri, A. e T. Riccardi, tutti allora “prime parti” dell’orchestra,  che è stato attivo per vari anni con concerti a Milano, in altre città italiane e in Gran Bretagna.

Ha collaborato come pianista d’orchestra o in ruoli concertanti con l’Accademia di S. Cecilia, i Pomeriggi Musicali, l’Orchestra Cantelli, l’Orchestra sinfonica di Sanremo. E’ stato uno dei coordinatori dell’Orchestra Filarmonica del Conservatorio di Milano fin dall’origine dell’orchestra.

Negli anni 1989-1994 è fra i fondatori - con Francesco Cefis e Philippe Daverio - dei “Concerti ASM”, una delle prime e più brillanti esperienze di collaborazione fra musica e settore non-profit, e ne è direttore artistico. Vi contribuiscono fra gli altri Bracco, Finarte, Compagnia di S. Paolo, Snam, ABB, Montedison, Saipem, Deutsche Bank, Premafin, Giorgio Armani, Bankers Trust, Italtel, Fondazione Serafino Ferruzzi, Gruppo Schiapparelli, EniChem, Alfa Romeo, Enimont, ICI Italia, Il Sole 24 ORE.

In veste di consulente per la musica del Comune di Milano, ha promosso e gestito nuove iniziative musicali dell’Amministrazione: “13+13 Notti di Notturni” a Villa Simonetta, “Il Giardino della Musica” nel parco della Palazzina  Liberty, “Mozart a Quarto Oggiaro” e “Fluxus-Festa di un altro mondo” in Villa  Scheibler, e altre. Ha inoltre accompagnato la nascita delle Settimane Bach con” I Concerti del Quartetto.

Per il progetto europeo “Working with Music” ha curato il volume Giovani che vanno all’estero, una serie di colloqui con giovani musicisti corredata da contributi di Giunio Luzzatto, Andrea Cammelli, Jeremy Cox e altri. Nell’ambito dello stesso progetto ha condotto una ricerca sugli esiti occupazionali di diplomati dei Conservatori italiani, che è stata pubblicata nel 2016 col titolo Vivere di musica, una ricerca e 11 storie di giovani musicisti italiani con una postfazione di Giunio Luzzatto. Nel 2017 ha intensificato il proprio interesse verso la divulgazione, creando “Doppia coppia, quasi una lezione" una conferenza-concerto che ha portato a Milano, Napoli, Torino, Brescia e al Festival del Castello di Postignano in Umbria.Dalla poesia alla musica” è il secondo progetto in questa direzione. 

E' socio fondatore dell'Associazione per l'abolizione del solfeggio parlato, e ne cura il sito internet.


LUIGI MARZOLA

Si è diplomato in Organo e in Pianoforte presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano e presso la Civica Scuola di Musica ha concluso il Corso quinquennale di Direzione di Coro.
Successivamente ha frequentato corsi di formazione con docenti di fama internazionale fra i quali Peter Erdei e Mark Brown, specializzandosi con Norbert Balatsch presso l’ Accademia S. Cecilia di Roma. Ha inoltre studiato canto con Margaret Hayward e repertorio vocale da camera, come pianista, con Dalton Baldwin.

La sua eclettica attività artistica l’ha portato, in qualità di organista, continuista al fortepiano e al cembalo, pianista e direttore di coro, a collaborare con vari musicisti e registi teatrali tra i quali Moni Ovadia, Diego Fasolis, Peter Stein, Giovanni Sollima, Arturo Annecchino, Filippo Crivelli su invito di varie organizzazioni concertistiche  (CRT, Change Performing Arts, Milano a Cielo Aperto, Festival delle Fiandre - Anversa, Festival di Musica Antica “L. Marenzio”, Festival  Internazionale di Musica Sacra di Brescia, Festival Lodoviciano di Viadana, RSI Lugano, Concorso Mondiale di Canto di Taipei – Taiwan, Concorso Internazionale di Canto “Renata Tebaldi”).

In qualità di Maestro del coro sono da segnalare le collaborazioni col regista Peter Stein per le produzioni teatrali “Penthesilea” di H. von Kleist e “Medea” di Euripide (Teatri Greci di  Urbisaglia, Siracusa, Epidauro, Merida, Karnuntum e tournée nei maggiori teatri italiani) e quelle con la Radio della Svizzera Italiana; tra le ultime produzioni: Stagioni di Haydn, Requiem di S. Saëns, Pezzi sacri di Verdi,  Servizio Sacro di Bloch, Le ultime sette parole di Mercadante, Israele in Egitto di Händel e Requiem in re min. di Donizetti.

Nel 2001 ha collaborato alla realizzazione di un testo di fonetica e pronuncia italiana per cantanti inglesi (Gateway  for Italian Diction – Ed. Alfred – Los Angeles) col ricercatore John Paton della University of Southern California - Los Angeles e nel 2002, su invito della Fondazione Cini di Venezia e in collaborazione col Prof. Degrada e la Prof.ssa Jonasova, ha condotto lo stage sui contrafacta sacri d’arie d’opera conservati nell’archivio del castello di Praga.

E’ regolarmente invitato a far parte di giurie di concorsi e a tenere masterclass per cantanti ed attori sulla vocalità, sul repertorio vocale lirico e da camera da varie organizzazioni tra cui la Change Performing Arts di Milano, la Fondazione Guido d’Arezzo, l’ Istituto Nazionale per il Dramma Antico di Siracusa, il Conservatorio di Pechino.

Dal 2003/04 è docente di tecnica della direzione presso la Scuola Superiore per Direttori di coro della Fondazione “Guido d’Arezzo”.
E’ pianista ufficiale del Concorso Internazionale di Canto “Renata Tebaldi” di S. Marino.
Dal 1996 è direttore del Gruppo Vocale “Cantemus” di Lugano e nel 1998 ha costituito il duo Calicanthus con il soprano Dan Shen.

E' docente di Accompagnamento pianistico al Conservatorio G. Verdi di Milano, del quale è stato vicedirettore.

E' presidente dell'Associazione per l'abolizione del solfeggio parlato.
 

SILVIA RUMI

Nata a Milano, ha studiato al Conservatorio di Musica "G.Verdi" dove si è diplomata con il massimo dei voti sotto la guida di  Isa Gorini.

Successivamente si è perfezionata con Paul Badura-Skoda e Jörg Demus, del quale è in seguito diventata assistente.

Ha seguito l'attività dell'Accademia Pianistica di Imola "Incontri col Maestro" collaborando nell'esecuzione dell'opera pianistica di W.A.Mozart e R.Schumann, seguendo le lezioni di Joaquin Achucarro, Bruno Canino, Alexander Lonquich, Tatjana Nikolajeva, Boris Petrushansky e  Charles Rosen.

Ha inoltre seguito il corso triennale di Musica da Camera tenuto da Pier Narciso Masi.

Svolge attività concertistica in Italia e all’estero e ha collaborato con il Teatro alla Scala di Milano nell'ambito delle stagioni di  teatro musicale per ragazzi, in uno spettacolo portato in tournée in diverse città italiane.

Ha vinto il Primo Premio al Concorso Internazionale di Stresa "Premio Yamaha", alla Selezione Internazionale di Desio e al Concorso Nazionale "Città di Como”.

E' stata inoltre premiata ai Concorsi Internazionali  “Città di Pretoria”, "Rina Sala Gallo" di Monza, "A.Cortot" di Milano, "V.Bellini" di Caltanissetta e ai Concorsi Nazionali di Lamezia Terme, "A.Mozzati" di Milano e "Città di Gaeta".

Ha effettuato registrazioni per la RAI e per la Radio Francese.

Vincitrice del concorso nazionale a cattedre per titoli ed esami, e’ docente di pianoforte principale presso il Conservatorio di Musica “G. Verdi” di Milano. E' stata referente del coordinamento disciplinare di Pianoforte e coordinatrice del dipartimento di strumenti a tastiera dal 2006 al 2011. Nel 2013 è stata eletta componente del Consiglio accademico. 

 
contatti: team@aasp.it